Il romanico in Piemonte non è di secondaria importanza nel patrimonio artistico piemontese dove il barocco primeggia. E pievi , chiese e abbazie romaniche suscitano nuovi interessi in ambito culturale e turistico. A tale scopo, nel 2018, la Regione Piemonte si è fatta promotrice di un Protocollo d’intesa con gli attori del turismo culturale in Piemonte per la conservazione e la valorizzazione in chiave artistica e turistica di oltre80 tra abbazie, chiese e pievi romanichecomprese nel territorio di 99 Comuni della provincia di Torino, Asti, Alessandria e Cuneo

Le testimonianze del “romanico” in Piemonte riguardano, in particolare, il periodo storico dell’alto medioevo, intorno all’anno 1000. Dal VII al X secolo fu un proliferare di costruzioni per pievi, chiese e abbazie integrate nel percorso devozionale della Via Francigena percorsa da una moltitudine di pellegrini e mercanti.

Per meglio comprendere la bellezza di questi luoghi, partendo da Torino, possiamo ammirare nel centro città il campanile della chiesa di Sant’Andrea, risalente all’XI secolo che fiancheggiava la chiesa originaria dove oggi sorge il Santuario della Consolata. Tuttavia percorrendo il Torinese, lungo la Via Francigena, si collocano alcuni dei monumenti romanici più interessanti del Piemonte.

Da visitare:










Consolata e Campanile di S.Andrea









Pieve di S. Giovanni ai campi di Piobesi









Sacra di S. Michele









Cattedrale di S. Giusto - Susa
previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
Shadow
Slider

Il Romanico in Piemonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *